Guida al controllo di gestione per le PMI
20
Un buon sistema di controllo, che sia considerato un vero strumento di guida
per lo svolgimento della gestione, deve anzitutto permettere la verifica costante
e continua delle caratteristiche di efficacia ed efficienza della gestione in ogni
momento al fine di facilitare la presa di decisioni. Grazie al sistema di controllo di
gestione, i manager si accertano, in qualsiasi momento ed in particolare prima di
decidere le azioni, del grado di efficienza ed efficacia della gestione, cioè verificano
l’esistenza di due caratteristiche attitudinali dalla cui combinazione risulteranno le
performance aziendali. Il controllo di gestione è un sistema direzionale in quanto
grazie alla definizione di obiettivi e sub-obiettivi favorisce la distribuzione delle
responsabilità tra i vari protagonisti della gestione aziendale e soprattutto formalizza
in maniera precisa i risultati da conseguire e gli indicatori atti a misurare il grado
di realizzazione. Grazie al controllo di gestione è possibile giudicare il grado di
adeguatezza del comportamento degli operatori d’impresa, in relazione al grado
di raggiungimento degli obiettivi loro attribuiti. E’ inevitabile che il controllo di
gestione influenzi i comportamenti dei collaboratori. La definizione di chiari obiettivi
da raggiungere e di programmi di attuazione favorisce l’ottenimento dei risultati
desiderati in quanto gli sforzi dei collaboratori saranno particolarmente centrati su
quanto viene loro attribuito e su quanto, essi sanno in anticipo, sarà oggetto di
misurazione. I comportamenti, coerenti o incoerenti con i
risultati attesi, saranno
ancor più influenzati laddove i dati del controllo di gestione siano usati per una
valutazione dell’operato, che riconosca premi e ricompense o, invece, disincentivi,
sulla base dei risultati ottenuti rispetto ai risultati desiderati.
1.4
Una PMI può dotarsi del Controllo di Gestione?
Spesso si è portati a pensare che il controllo di gestione sia un meccanismo operativo
adatto solo alle grandi imprese. In questa guida si vogliono invece proporre delle
modalità progettuali adatte alle PMI, più volte sperimentate nel corso degli ultimi
decenni. Ciò nella piena convinzione che anche le PMI possono dotarsi di un buon
sistema di controllo di gestione.
Gli strumenti di controllo non possono essere considerati alla stregua di dispositivi
meramente tecnici e asettici, scissi e scindibili dal contesto in cui vengono utilizzati.
Al contrario, devono essere coerenti con la cultura interna che caratterizza l’azienda
in cui le tecniche e gli strumenti di controllo vengono implementati e devono essere
diffusi, condivisi e accettati all’interno dell’organizzazione.